IL POTERE DEGLI ORACOLI - MAGIA DEI SIMBOLI

Tarocchi, oracoli, divinazione, magia dei simboli ...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il potere degli oracoli

di Asoka Selvarajah 

 

Fino a poco tempo fa, gli scienziati ci offrivano una visione sempre più meccanicistica dell'universo. Il modello "palla da biliardo" della realtà - ossia quello secondo cui certe cause conoscibili provocano sempre certi effetti prevedibili - dominava sempre più ogni settore della nostra società. Gli scienziati si aspettavano che un giorno avrebbero avuto una spiegazione completa di TUTTI i fenomeni.

Tuttavia, l'avvento della Meccanica Quantistica, e in particolare, della Teoria del Caos, ha messo fine per sempre a quel sogno. Invece di parlare di certezze e di leggi, ci troviamo ad aver a che fare con delle probabilità, e con una costante interazione di Ordine e Caos.

Ora Rupert Sheldrake, biologo della Royal Society, minaccia di scuotere ulteriormente questo modello con la sua teoria secondo cui non vi sono, in effetti, "Leggi di Natura", ma piuttosto abitudini radicatesi attraverso innumerevoli ripetizioni!

 

UNA NUOVA VISIONE DEL MONDO

 

Insomma, tutto ciò che riguarda la Scienza si trova in uno stato nettamente fluido, di cui i "profani" (o "non addetti ai lavori") non sanno ancora praticamente nulla. La maggior parte delle persone sono ancora condizionate dal Razionalismo Scientifico del diciannovesimo secolo, che afferma, in modo decisamente inesatto, che le uniche cose reali sono quelle verificabili sperimentalmente, e che la logica è l'unica funzione del cervello adatta a conoscere e comprendere la realtà. Quest'idea è ancora diffusa in tutti gli strati sociali.

 

Si tratta, nondimeno, di un'idea assolutamente falsa. In realtà, si rivela sempre più come un luogo profondamente misterioso. Più cose scoprono, e più gli scienziati rimangono senza fiato di fronte all'immensità di ciò che ancora rimane da scoprire. In verità, l'Universo è qualcosa di incomprensibilmente complesso. Dalla più piccola particella subatomica alla più vasta galassia, esso va oltre le nostre limitate capacità mentali.

Inoltre, per coloro che hanno occhi per vedere, l'universo si rivela anche come un luogo d'intelligenza infinita. Molti scienziati più all'avanguardia stanno abbracciando un approccio olistico alla realtà su tutti i livelli: dal dottor Deepak Chopra, il quale ci parla dell'incredibile saggezza immagazzinata all'interno del corpo umano, al geofisico James Lovelock, secondo cui la Terra nel suo complesso può essere realisticamente considerata un unico organismo vivente, denominato Gaia.

 

All'interno di questa nuova realtà dell'universo considerato come ESSERE VIVENTE, gli antichi metodi di percezione riemergono come modi potenzialmente validi di esaminare la realtà. In particolare, l'antico metodo dell'Oracolo merita di essere rivalutato. Anche se a lungo diffamati dalla Scienza come residui del passato, disprezzabili e privi di senso, e dalla Religione dominante come opera del diavolo, gli Oracoli hanno comunque goduto di molto rispetto nella Storia passata, e persino nella preistoria.

La scienza ha giustamente eliminato concetti sbagliati come quello secondo cui la Terra doveva essere piatta, o quello secondo cui terremoti e tempeste sono opera di Dei arrabbiati. Tuttavia, gli Oracoli - come, per esempio, l'I Ching e i Tarocchi - vengono ancora oggi utilizzati nella nostra moderna civiltà tecnologica. Paradossalmente, un'antica disciplina come l'Astrologia si serve della più recente tecnologia informatica per operare in modo più rapido ed efficiente che mai!

 

Ma prima di sminuire questa tendenza come qualcosa di caratteristico di persone facilmente suggestionabili, dovremmo ricordare che un grande psicologo svizzero, Carl Jung, prendeva gli Oracoli MOLTO sul serio, al punto da lavorare parecchio con l'I Ching e i Tarocchi.

Inoltre, è un fatto innegabile che molte banche in varie parti del mondo usano l'Astrologia Finanziaria per decidere sugli investimenti e le operazioni finanziarie da compiere. A tale proposito, il geniale banchiere del diciannovesimo secolo J.P. Morgan, al quale ancora oggi è intitolata una tra le più prestigiose banche d'America, diceva: "I milionari non credono nell'astrologia... i miliardari sì".

 

GLI ORACOLI COME FUNZIONE DEL CERVELLO

 

Dunque, nonostante gli attacchi della Scienza e della Religione, il sistema degli oracoli è ancora popolare e forte nella società occidentale, e se ne interessano tanto i genii quanto le persone semplici. Perché? Perché questa credenza negli oracoli non ha fatto la stessa fine di Babbo Natale o dei Lupi Mannari?

 

La ragione della loro persistenza può essere che gli Oracoli rappresentano una funzione legittima e valida del cervello umano? Non può darsi che, come esistono il conscio e l'inconscio e le funzioni della parte sinistra e della parte destra del cervello umano, ci sia effettivamente una parte del cervello adibita a ricevere ed elaborare informazioni in modo "oracolare"?

 

Questo concetto può apparire rivoluzionario, ma è tutt'altro che irragionevole. Se ci rifacciamo a quanto affermato in precedenza in questo articolo, è cioè al fatto che la ricerca scientifica sembra rivelare l'universo come un luogo di Intelligenza Infinita, non si può supporre che il Cosmo funzioni davvero attraverso il principio di Sincronicità (coincidenze significative), come suggeriscono le opere di Deepak Chopra e "La profezia di Celestino" di James Redfield? Sarebbe dunque irragionevole presumere che la Natura ci abbia fornito di strumenti per percepire la Realtà in questo modo?

 

Non sarebbe affatto irragionevole, secondo me. Anzi, è decisamente probabile. Ciò spiegherebbe perché gli Oracoli siano ancora fiorenti nonostante gli sforzi compiuti dal Razionalismo per eliminarli. Non è possibile eliminare una legittima funzione del cervello umano con argomentazioni intellettuali, per quanto logiche possano sembrare, così come non è possibile convincere a parole qualcuno che la sua gamba destra non è altro che un residuo di un passato primitivo!

 

 

IN CONTATTO CON L'ANIMA DELL'UNIVERSO

 

Dunque, dove ci porta tutto questo? Semplicemente al fatto che, attraverso l'Oracolo, la nostra anima individuale entra in contatto con l'Anima dell'Universo. Mentre la logica si rivolge alla parte sinistra, scientifico-logica, del nostro cervello, l'oracolo comunica informazioni provenienti dal cuore stesso dell'universo, attraverso il simbolo e l'immagine, direttamente alla parte destra, artistico-simbolica.

 

Ognuno di noi è sottoposto ogni giorno al bombardamento di stimoli logico-scientifici provenienti dalla nostra società. Abbiamo bisogno di ristabilire l'equilibrio attraverso la stimolazione e l'uso della parte destra, artistico-simbolica, del nostro cervello. Ciò, di conseguenza, migliorerà la nostra capacità di "funzionare" in genere nella vita. I sistemi di divinazione come l'I Ching e i Tarocchi possono aiutarci in questo senso.

 

Nel far questo, non è necessario avvicinarci ad essi con un atteggiamento di forte paura, come se stessimo per perdere la nostra anima. Paure del genere sono state propagate dalla religione istituzionalizzata per motivi puramente politici. Dopotutto, se si fosse realmente in grado di ottenere delle conoscenze essenziali e la comunione con la Fonte/Dio in modo diretto, perché mai si avrebbe bisogno di costose bardature come i grandi edifici, il clero e le regolari donazioni di denaro?

 

Piuttosto, dovremmo ricordare che uno scienziato serio come Gustav Jung fece studi sui Tarocchi e l'I Ching in linea con gli studi sul Simbolismo e la Mente Umana, e che inoltre, in base alle più recenti rivelazioni sull'Universo (come luogo caratterizzato principalmente dal significato e da un'intelligenza incomprensibile), i sistemi di divinazione

- che sembrano tanto in sintonia con queste scoperte - acquistano una legittimità e una base di credibilità che non avrebbero mai potuto avere in secoli precedenti, quando questi fatti erano sconosciuti.

 

Perciò, dovreste scegliere un oracolo e usarlo regolarmente. Particolarmente raccomandati sono i Tarocchi e l'I Ching. Scrivete i risultati su un vostro diario. Un uso regolare permetterà di esercitare questa funzione vitale del cervello. Come ogni cosa che venga esercitata regolarmente, questa funzione cerebrale si rafforzerà, migliorerà e vi darà risultati sempre più affidabili. In questo modo, rafforzerete la vostra intuizione e vi metterete in contatto diretto con la stessa Fonte dell'Universo.

 

di Asoka Selvarajah

 

Traduzione: Copyright © 2001 Giampiero Cara e Annalisa Antodicola

Fonte
http://www.auraweb.it/articolo_benessere.asp?cid=21&aid=321

 

"Simboli antichissimi riaffiorano nelle metafore quotidiane e nelle immagini dei nostri sogni, formano l'essenza stessa del pensiero astrologico, della magia, dell'occultismo..."
GUARDA TUTTI I LIBRI SUI SIMBOLI...
CLICCA QUI!

 

 

La magia dei simboli   

di Francesco Aleo

 

I Tarocchi usano un metodo interpretativo molto simile a quello della psicologia: simboli e analogie per comprendere i bisogni, i problemi e le risorse di chi cerca aiuto e risposte ai propri interrogativi.  

 

Esiste una forma di conoscenza che non si basa sull'analisi logico razionale. E' un modo di pensare che non usa categorie, che spesso strapazza i concetti e attinge le sue verità da intuizioni e associazioni nate al momento.

I simboli rappresentano qualcosa che va al di là della descrizione di un oggetto e dell'elemento razionale che esplica. La parte logica esiste, ma è solo l'involucro di un contenuto emotivo, che non può essere trasmesso in modo oggettivo. Il simbolo non è solo figurazione è anche affettività, legame del mondo soggettivo con quello percepito o, se preferite, oggettivo. Offrono una dimensione sensibile della realtà, ma mai univoca. La loro forza è accentuata dall'analogia che li collega tra di loro, come i mattoni di un Lego infinito.

 

La potenza soggettiva del simbolo è evidente nella pratica psicologica, dove al linguaggio logico deduttivo si sostituisce quello analogico della libera associazione di immagini e sensazioni. Per sondare l'animo umano non bisogna cercare spiegazioni, ma osservare il legame emozionale dell'individuo con le cose, i simboli, che lo stimolano. Non lo fanno solo gli psicanalisti, anche chi legge le carte parte da questo presupposto.

 

Il simbolo è polivalente, nel senso che ogni persona ne coglie aspetti diversi, eppure è un elemento che rimanda a un contesto unico. La legge soggettiva dell'unità nella diversità. Il significato del linguaggio simbolico si materializza solo quando entra in contatto con dei soggetti, solo "in quel momento" acquista un valore profondo, diventando specchio dell'essere.

 

Le immagini dei Tarocchi non accertano fatti. Non sono neanche il racconto sintetico di una storia o di un mito, semplicemente rimandano ad aspetti a loro attinenti. Non sono di parte, a favore del bene o del male (positive o negative) ma uniscono e fondono l'ambivalenza, contenendo superano gli opposti.

 

Più si scava dentro l'immagine di un arcano più si scoprono elementi contraddittori, simbologie accessorie, trascurate nell'assuefazione prodotta dal significato "tradizionale" della carta. Nella sua interpretazione dei sogni, Freud richiamava l'importanza di aspetti particolari presenti nel racconto del sogno, all'apparenza insignificanti, che erano essenziali nel decifrare la realtà emotiva vissuta dal paziente.

 

La mentalità comune subordina il significato ai fatti, chi legge i Tarocchi invece è all'antitesi di questa metodologia. Non conosce i fatti, vede solo dei simboli. Non ricerca un significato, ma una via per penetrare dentro qualcosa che non conosce. In realtà dietro a questo "potere" c'è una forte umiltà: un mettersi in ascolto, abbandonando le pellegrinazioni del proprio io, per divenire sensibile e disponibile al consultante .

 

"Un simbolo è vivo - affermava Gustav Jung - solo quando è, anche per chi osserva, l'espressione migliore e più alta possibile di qualcosa di presentito e non ancora conosciuto".

Come lo psicoterapeuta, chi legge le carte ha "bisogno" di instaurare un rapporto col paziente/consultante, deve creare con i simboli una storia personale e ha bisogno del suo aiuto per intravedere l'inquietudine e trovare l'orientamento tra i suoi segnali e le sue aspirazioni.

Il consultante aspetta una risposta, ma in realtà chi legge non è in grado di dirgliela, ma può portarlo nella sua realtà emotiva, per coglierla facendo emergere ciò che era nascosto nell'incertezza e nel senso comune delle cose. Il consultante ha in mano la sua risposta,

i Tarocchi aiutano a seguire la pista della sua emotività dispersa in simboli ambigui per renderla evidente e ricondurla alla propria fonte soggettiva.

 

Francesco Aleo 

 

Fonte

http://www.lifegate.it/essere/articolo.php?id_articolo=1223

 

 

L'autore

Asoka Selvarajah

 

E' uno scrittore e ricercatore che opera da tempo nei campi dello sviluppo personale e della spiritualità esoterica. Il suo lavoro aiuta le persone a raggiungere

il loro massimo potenziale,

ad approfondire la loro

comprensione

della verità mistica,

ed a trovare gioia

nel perseguimento del vero scopo spirituale della loro anima.

Indiano di origine, attualmente

vive e lavora ad Assisi.

Visita il suo sito:

http://www.aksworld.com


IL TAROCCO INTUITIVO

Libera la tua intuizione

scopri da solo il tuo futuro...

 

SIAMO TUTTI SENSITIVI

Le tecniche per sviluppare chiaroveggenza, precognizione insite in ciascuno di noi...

 

I CHING DELL'AMORE

Il gioco dell'amore ed i suoi mutamenti...

 

 MIRACOLI

Come fare miracoli

e fare accadere

quello che vuoi

 

MA L'ANIMA GEMELLA

ESISTE DAVVERO ?


 

 


  

 

 

 

 

HOME PAGE -   OROSCOPO DEL GIORNO   -  OROSCOPO DELL'ANNO  - TAROCCHI DELL'AMORE  

 

 

 

www.tarocchionline.net

copyright©2000

Tutti i diritti sono riservati